Blog: http://nerononpercaso.ilcannocchiale.it

APPELLO ALLA DESTRA PER CARLO PARLANTI

All'Onorevole DANIELA SANTANCHE' ("La Destra");

all'Onorevole LUCA ROMAGNOLI ("Movimento Sociale-Fiamma T.");

al Senatore FRANCESCO STORACE ("La Destra");

all'Onorevole TEODORO BUONTEMPO ("La Destra");

al Segretario Nazionale ADRIANO TILGHER ("Fronte Sociale Nazionale");

al Segretario Nazionale ROBERTO FIORE ("Forza Nuova");

al Segretario Nazionale PINO RAUTI ("MIS con Rauti").




Carlo Parlanti e Katia Anedda (Avenal State Prison - California)



(Avenal State Prison - California)

4° Giorno Sciopero della fame per CARLO PARLANTI

Carlo Parlanti, nel silenzio delle Istituzioni, è arrivato al quarto giorno di sciopero della fame. Un silenzio che pesa come un macigno, quando accostato alle sue condizioni fisiche compromesse. La debolezza inizia a farsi sentire, e con essa i crampi fisici. L’unica risposta finora arrivata è giunta dall’On. Umberto Guidoni, europarlamentare. Per il resto, il nostro connazionale rimane avvolto dal silenzio della politica e dei media, che preferiscono il gossip alla vita vera. Che preferiscono lasciar morire un uomo.
Nel frattempo Katia Anedda, compagna di Parlanti, è stata intervistata, in merito alle condizioni fisiche del suo congiunto da una nota radio Californiana, Radio Bilingue. L’attenzione sul caso sta salendo anche nei media locali. Il 14 aprile, l’avvocato di Parlanti, Charles Kelly Kilgore sarà in Italia, a Venezia, pronto a rispondere alle domande sulla situazione del suo cliente, stremato dalla sua condizione di detenuto e sottoposto a trattamenti in violazione della Carta dei diritti Umani.
Il silenzio che ancora avvolge il Parlanti è aberrante, ed esula da ogni possibile concezione di giustizia. Le prove della sua innocenza sono disponibili per tutti sul sito
http://www.carloparlanti.it/volantino.htm , ma nella corsa alla poltrona, nessun politico ne istituzione si prende la briga di rispondere: perché non è stato fatto ancora niente? Una denuncia contro i crimini perpetrati contro il nostro connazionale è stata presentata più di un mese fa alla Procura di Milano. Perché niente si è ancora mosso? Perché tale silenzio anche dalla magistratura?
E’ in corso di organizzazione una conferenza stampa negli Stati Uniti sulle condizioni di salute del Parlanti e l’associazione Prigionieri del Silenzio continua a riscontrare ostruzionismo. Ancora non si è riusciti a trovare un posto dove effettuare la conferenza stampa. Dove è la collaborazione delle istituzioni e delle associazioni italiane nel territorio?
E’ possibile ottenerla o bisognerà attendere il falso cordoglio che potrebbe arrivare al momento di un eventuale rimpatrio della salma del Parlanti?

Roma, 2 aprile 2008

Valentina Cervelli e Mara Marino

__________________________________________________ _________

www.carloparlanti.it

http://blog.libero.it/carlofree/

www.prigionieridelsilenzio.it

FIRMATE LA PETIZIONE!:

www.petitiononline.com/parlanti/petition.html

Pubblicato il 3/4/2008 alle 1.56 nella rubrica Notizie varie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web