Maestri di Vita, quinta puntata - Gabriele D'Annunzio | nerononpercaso | nero non per caso | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

 
nerononpercaso 
Hasta la vista antifascista....
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  HOME
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca


 

Diario | Cronaca | Politica | Presenti! | Musica | Cazzi miei | Manifesti | Area Cazzeggio | Economia | Notizie varie | Maestri di Vita | Video | la mappa degli inceneritori | pillole ideologiche | Iniziative | Anniversari | Comunicati |
 
"Non cercate altrove, guardate al fascismo, imparate a conoscerlo e lo amerete, studiatelo e diventerà la vostra idea. Né per voi sarà mai una catena ma un vincolo d’amore verso una creazione più grande dell’umanità. Esso sarà per voi e per tutti l’alba di un nuovo giorno." Niccolò Giani "Presto tutte le fabbriche saranno socializzate e sarà esaminato anche il problema della terra e della casa perché tutti i lavoratori devono possedere la loro terra e la loro casa…" Nicola Bombacci
1visite.

21 marzo 2008

Maestri di Vita, quinta puntata - Gabriele D'Annunzio

 





GABRIELE D'ANNUNZIO (1863-1938) - Poeta, soldato, drammaturgo, scrittore, trascinatore di folle, ardito... Gabriele d'Annunzio è senza dubbio una delle personalità più polivalenti ed eclettiche del periodo a cavallo tra il XIX ed il XX secolo. Difficile celebrare d'Annunzio per una sua prerogativa piuttosto che per l'altra: come artista ha composto poesie, opere teatrali e scritto romanzi tra i più importanti della nostra produzione artistica; come politico è stato uno dei principali animatori del fronte interventista allo scoppio del primo conflitto mondiale; come uomo d'azione memorabile resta l'impresa di Fiume. Gli ultimi anni della propria vita li trascorse in una splendida villa in riva al Lago di Garda, il "Vittoriale degli Italiani", sulla cui entrata volle scolpita la frase: "Io ho quel che ho donato", sintesi della sua immensa esistenza.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



CITAZIONI




Piccoli avvocati ambiziosi, che quando seggono sul bancone del potere stanno con le braccia conserte e contemplano il soffitto che non crolla... Le vecchie seggiole sono più vive di loro.



Quello che avviene oggi in Italia è senza riscontro. Qui da noi il disagio morale è ovunque diffuso. Nei lavori pubblici lo sperpero è così folle e vergognoso che in ogni città d’Italia abbiamo visto sorgere all’ improvviso colossali fortune.



Memento Audere Semper (Ricordati di osare sempre).



L’immensa gioia di vivere / d’esser forte, d’esser giovane / di mordere frutti terrestri / con saldi e bianchi denti voraci.



Il rimpianto è il vano pascolo d’uno spirito disoccupato. Bisogna soprattutto evitare il rimpianto, occupando sempre lo spirito con nuove sensazioni e con nuove immaginazioni.



L’automobile è femminile. Ha la grazia, la snellezza, la vivacità di una seduttrice. Ha, inoltre, una virtù ignota alla donna: la perfetta obbedienza. Ma, per contro, della donna ha la disinvolta levità nel superare ogni scabrezza.



Ho avuto ciò che ho donato, perché nella vita ho soltanto amato.



Il privilegio dei morti: non moriranno più.



Il rimpianto è il vano pascolo di uno spirito disoccupato.



Bisogna conservare ad ogni costo intiera la libertà, fin nell' ebrezza. La regola dell'uomo d'intelletto, eccola: «Habere, non haberi».



L'uomo a cui è dato soffrire più degli altri, è degno di soffrire più degli altri.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gabriele d'annunzio

permalink | inviato da nerononpercaso il 21/3/2008 alle 21:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile
 
 
Meteo Feltre - Servizio gratuito offerto da Meteo Webcam